Sostienici con le donazioni

Home » Letteratura » LA TIGRE DI NOTO

LA TIGRE DI NOTO

Romanzo di Simona Lo Iacono-ed. Neri  Pozza

Simona Lo Iacono ritorna al suo pubblico con l’appassionante storia di Marianna Ciccone. Una magnifica narrazione che prende il titolo di La tigre di Noto dall’epiteto che indica Marianna Ciccone, prima donna laureata in Matematica e successivamente in Fisica alla Normale di Pisa, perché  coraggiosamente  si è opposta  ad un drappello di soldati nazisti per proteggere  la biblioteca dell’Istituto. Per questo suo gesto il Rettore Luigi Russo nel ’44 le invia  una lettera di incondizionato encomio. Marianna Ciccone nasce a Noto nel 1891 ed è subito destinata dalla famiglia ad un matrimonio, adeguato alla sua ricca condizione. Nessuno percepisce la sua  vera diversità, anche se  l’occhio  solitario è ben visibile a tutti. Nessuno  coglie  la sua  particolare attenzione alla luce sin da quando era in fasce. Crescendo Marianna mostra un sempre maggiore interesse per lo studio della luce e per la lettura di testi scientifici. S’ accorge presto e con sofferenza  del distacco affettivo dei genitori, soprattutto della madre che disapprova la sua passione per lo studio e  il rifiuto del matrimonio, convinta che « il mondo si ripetesse generazione dopo generazione...» Trova in compenso l’affetto incondizionato di Rosa, la serva ignorante, ma tanto sensibile  da assecondare le sue inclinazioni  e guidarla quando diventa donna. Marianna dopo la sua morte  conserva i  suoi poveri oggetti soprattutto le scarpe  col tacco che indossa per molto tempo, facendole anche risuolare. Queste scarpe non sono prive  di un  significato simbolico in quanto accompagnano Marianna nei suoi viaggi di studio a Roma, a Pisa, a Darmstadt, ma anche nelle esperienze decisive  della sua vita.   Senza l’approvazione e senza l’aiuto  economico dei genitori,  senza neanche un abbraccio Marianna  parte per Roma dove all’Università La Sapienza  si ritrova l’unica donna iscritta a Matematica :« gli interrogativi pressavano, ghermivano l’aria, svolavano sulle teste degli studenti. Finsi di non accorgermene e feci attenzione a calare la veletta fino al naso, in modo da nascondere quel mio segno inopportuno.»  Più volte Marianna finge di non accorgersi dell’emarginazione e dell’isolamento negli ambienti universitari, resistendo  con grande forza d’animo, sempre determinata a raggiungere il suo scopo senza scendere a compromessi. L’esperienza di volontaria per l’assistenza ai reduci della Prima Guerra mondiale le insegna  a tacere quello che non c’è e a dire quello che resta : « Intuii chiaramente che avevo bisogno di piccolezza, di strade poco estese, di ideali meno ambiziosi. Qualcosa parlava di nascosto, nell’invisibile, nel rifiutato….la vera luce non si vede. Si trova….Il principio fondante della vita non era aggregare. Era non escludere. » La formazione di Marianna cominciata sui libri progredisce  a contatto con la sofferenza e attraverso la consuetudine  con persone sensibili come Rosa e Cate, l’affittacamere pisana, che in parte svolgono per lei il ruolo di madre. Ma è  anche determinante  l’insegnamento  ai giovani in cui Marianna  trova che « non c’era confine tra insegnare ed apprendere» e soprattutto  l’amore tardivo e impossibile per il prof. Herzberg, a cui consapevolmente  rinunzia  aiutandolo a rifugiarsi in Canada per evitare la persecuzione nazista. Progressivamente Marianna  comprende «che la luce, come il dolore, è benevola solo con chi l’attraversa, mentre rifiuta di stanare gli indecisi e i superbi. » All’Università  di  Darmstadt  Marianna conosce  il  nazismo e la persecuzione degli ebrei:« Nelle voci di alcuni studenti mi era parso di leggere una rabbia inesplosa. Una vendetta in agguato.» Le sarà perciò facile  opporsi ai soldati tedeschi quando le intimeranno  con le armi spianate di cedere i libri della biblioteca della Normale di Pisa. L’esperienza culminante della sua vita Marianna la vive  a Pisa in  una notte di  bombardamenti. Qualcuno nel ricovero  le mette furtivamente in braccio una bambina: « Chi eri, ospite inattesa che rovesciavi la distruzione in amore ?…Tra i tanti che perdevano qualcosa, io quel giorno ti trovavo, miracolosamente intatta, preservata per quel nostro incontro decisivo….Vivere non fu mai così facile dentro la morte. » Sulla bambina Marianna  riversa quella cura che le è mancata, a cui  la madre si è sempre sottratta. Nel rapporto  con la bambina, tanto  bisognosa di attenzione, Marianna  è con naturalezza  madre e figlia nello stesso tempo. Ricuce  con la sua completa dedizione  la ferita di un tempo. Nella narrazione di Simona Lo Iacono Marianna Ciccone ha come tratto caratterizzante la calma determinazione con cui affronta la vita, attraversandola tutta, senza concedersi vie di fuga. É  una donna che ha capito quello che è veramente importante,  esemplare dal punto di vista culturale e morale, sa  confrontarsi con la grande storia, sa prendere decisioni nette, sa schierarsi. Attente ricerche d’archivio hanno fornito alla scrittrice soltanto pochi particolari della sua vita, perché Marianna è stata presto dimenticata. Leggendo i tenui indizi trovati nei documenti,  Simona Lo Iacono  ha ricostruito  con profonda sensibilità di donna la sua intera vita . Si può dire che in Marianna Simona  abbia trovato quella figura di donna che da tempo voleva narrare, e lo ha fatto con una partecipazione emotiva intensa e  costante in tutta l’opera, espressa in  un linguaggio essenziale e poetico nello stesso tempo, attraversato da echi d’emozioni  anche quando descrive argomenti scientifici : «Vedemmo danzare gli atomi sotto i nostri occhi, riuscimmo a riprenderli mentre si associavano in modi impensabili. Non sembravano particelle di materia, ma bolle esasperate e contrite che si piegavano le une al perdono delle altre.» La vicenda de La tigre di Noto  è narrata in prima persona dalla stessa Marianna che ripercorre anche con l’aiuto di fotografie, mostrate a qualcuno che non interviene nella narrazione, le tappe salienti della sua vita . Alle fotografie è demandato il racconto dei familiari e della casa di Noto, come ad indicare la loro distanza nel tempo e nella vita di Marianna, che non è priva talvolta di una certa nostalgia per l’affetto mancato. La tigre di Noto si può definire in diversi modi, romanzo storico, romanzo biografico, romanzo di formazione, ma  soprattutto credo che si possa  definire anche il romanzo della lettura in quanto nasce dalla lettura e implicitamente per la lettura, che scorre veloce ed emozionante da una pagina all’altra :« Alla fine  della vita Cate le aveva insegnato  che tutto poteva essere letto. La natura. I gesti. I sorrisi. I silenzi. E chi aveva abitudine alla lettura del libri poteva farsi esperto nella lettura degli uomini e degli eventi.» Il romanzo  si colloca in  coerente continuità con  i romanzi che l’hanno immediatamente  preceduto : Le streghe di Lenzavacche, Il morso, L’albatro. A  questi è avvicinato  dallo stile inconfondibile che caratterizza la scrittura di Simona Lo Iacono, che prende  l’avvio da fatti accaduti e persone esistite , ma  dimenticate  e li risemantizza  sottraendoli all’oblio e facendoli rivivere  nelle sue parole. Gabriella Maggio

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.