Sostienici con le donazioni

Home » Arte » PAESAGGI SICILIANI NELLA PITTURA CONTEMPORANEA

PAESAGGI SICILIANI NELLA PITTURA CONTEMPORANEA

Settima delle Culture IDEAh_invito definitivo4_da  stampare-01

Giacomo Fanale  curatore di Paesaggi…Sei artisti due realtà siciliane, in mostra a Palazzo Sant’Elia dal 13 al 30  maggio 2016 per la Settimana delle culture, propone le opere di sei artisti siciliani di fama internazionale che hanno scelto di dipingere e vivere in Sicilia, misurandosi col paesaggio difficile  dell’isola. Il paesaggio ostentava tutte le proprie bellezze. Sotto il lievito del forte sole ogni cosa sembrava priva di peso: il mare, in fondo, era una macchia di puro colore, le montagne sembravano ammassi di vapori sul punto di dissolversi….la torva Palermo stessa si stendeva acquattata attorno ai conventi come un gregge al piede dei pastori….il sole violento e sfacciato, il sole narcotizzante anche, che annullava le volontà singole e manteneva ogni cosa in una immobilità servile, cullata da sogni violenti, in violenze che partecipavano all’arbitrarietà dei sogni. Così scrive Tomasi di Lampedusa ne Il Gattopardo, descrivendo il panorama isolano.

Landscape.72 - t.m. su tela, 120x170 cm. -  2011

Melchiorre Napolitano-Landscape

I sei pittori sfidano questa difficoltà abbracciando il panorama siciliano con uno  sguardo che lo fissa sulla tela al di là di ogni rappresentazione immediata e facile. I frantumi delle cose viste e amate si dispongono sulla tela come eccesso di colore o come diafana  acromia di bianchi e neri  nei quadri di Rovella. La materialità disarticolata è ricerca di senso, ma non è che relitto espresso nervosamente sulla tela. Così che  l’espressione coincide con la tecnica stessa. Già da una prima impressione la rappresentazione delle due realtà siciliane, individuate nella brochure, coincide col colore più intenso e cupo usato dagli artisti catanesi, Failla, Rovella, Anelli, più chiaro per i palermitani D’Alessandro, Napolitano, Venezia. Paesaggio lavico per i primi, i  vivaci colori della costa settentrionale per i secondi.

INSIDE OF ME.acrilico su tela 200x150  anno 2012

Giacomo Failla- Inside me

Ogni artista ha, però,  una sua cifra personale al di là della condivisione del tema unico del paesaggio. Occhi e volti, la scritta Io si mescolano alla fosca cromia  nelle tele di Luciana Anelli. Intrecci di linee, percorsi labirintici  ritratti con colori diversi e ancora senza via d’uscita caratterizzano  le tele di Failla,  tutte del 2012 . Riferimenti più realistici ai luoghi: montagne, mare, cielo  si colgono ancora nelle opere di Napolitano. Mentre  dislocazione e  scomposizione degli elementi paesaggistici connotano  le  luminose tele di Rosetta D’Alessandro. Raffinato e arido risulta il tono delle tele di Rovella, rigorosamente in bianco e nero.

landscape-299x300

Enzo Rovella -Landscape

Si distingue dagli altri l’artmaker Enzo Venezia che rappresenta a china il paesaggio urbano di una Palermo decostruita nei suoi caratteristici elementi architettonici, nelle divisioni tra centro e periferia.(Gabriella Maggio)

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.